TRUST e tutela del Patrimonio

Il trust è un istituto giuridico di origine anglosassone che ha come finalità quella di separare dal patrimonio di un soggetto, alcuni beni per il perseguimento di specifici interessi a favore di determinati beneficiari o per il raggiungimento di uno scopo determinato, attraverso il loro affidamento e la loro gestione a una persona (cd. "trustee") o ad una società professionale (cd. "trust company").

L'istituto e lo strumento del "trust" pur non essendo disciplinato in modo specifico da alcuna norma di diritto interno è considerato come "legittimo" in virtù della ratifica da parte dell'Italia della Convenzione dell'Aja del 1 luglio 1985, entrata in vigore il 1 gennaio 1992.
Si tratta, quindi di un istituto riconosciuto in Italia ma non regolamentato dalla legge italiana.

Usualmente il trust viene istituito a protezione di beni immobili; si realizza così una vera e propria "protezione" patrimoniale in quanto i beni diventano impignorabili. Proprio per tali motivi il trust viene spesso impiegato per separare e proteggere il patrimonio personale da quello aziendale o per tutelare tutti quei soggetti il cui patrimonio può essere compromesso da attività professionali rischiose (medici, avvocati, funzionari, etc.) o, semplicemente, da comportamenti personali avventati (gioco d'azzardo, uso di droghe e alcool, etc.).

L'istituzione di un trust in determinati casi può determinare un "vantaggio di natura fiscale" ma se tale finalità è stata è l'unico o principale motivo che ha spinto il soggetto ad istituire un trust, esso può essere considerato illegittimo e pertanto revocato ed soggetto a sanzione.